Portale turistico della Locride - Gruppo Asmedia

 

Heracleum

    Africo
    Brancaleone
    Bruzzano Zeffirio
  Ferruzzano
    Staiti
   
 

 - Altre località -

   
  Vallata del Torbido:
  San Giovanni di Gerace, Grotteria, Mammola, Martone, Gioiosa Jonica, Marina di Gioiosa Jonica.
   
  Epizephiri:
  Canolo, Agnana, Siderno, Antonimina, Gerace, Locri, Portigliola, Ciminà, Sant'Ilario dello Jonio.
   
  Vallata del Bonamico:
  Ardore, Benestare, Platì, Careri, Bovalino, San Luca, Casignana, Samo, Sant'Agata del Bianco, Caraffa del Bianco, Bianco.
   
  Vallata dello Stilaro:
  Bivongi, Pazzano, Stilo, Monasterace, Camini, Stignano, Riace, Placanica, Caulonia, Roccella Jonica.
   
  Grecanica:
  Palizzi, Bova, Bova Marina, Condofuri, Roghudi, Roccaforte del Greco, Melito Porto Salvo
   

 

Comune della Locride:

Ferruzzano

Ferruzzano, nella sua etimologia storica "Ferru-nzanu" (ferro intero), perciò nel passato, paese difficile da espugnare, si mantiene tuttora forte. Abbarbicato su una rocca, sebbene le vicissitudini storico-politiche e socio-economiche non siano state favorevoli al suo sviluppo, mantiene intatta la bellezza paesistica, paesaggistica, naturalistica e, soprattutto, mantiene alta la moralità e l'onestà dei cittadini.

Il centro storico, che sorge sul cucuzzolo della collina,a 474 metri sul livello del mare, da cui dista appena nove chilometri, per la sua splendida posizione geografica, offre uno sguardo panoramico a trecentosessanta gradi: la Piazza Belvedere (San Giuseppe) e i tre Calvari costituiscono i punti strategici da cui si possono osservare le suggestive montagne dell'Aspromonte Orientale, i vari paesi che lo costellano: Brancaleone, Bruzzano, Staiti, Samo, Sant'Agata, Caraffa, Bianco, Africo Nuovo e, soprattutto nelle limpide giornate di ogni stagione, tutti i paesi della costa Nord Orientale, fino a punta Stilo. Le viuzze, poi, con le "lamie" costituiscono un'attrattiva veramente particolare, le "vinelle" e le "rughe" richiamano ancora una vita sana e spensierata non soltanto per i ragazzi ma anche per gli adulti. I piccoli pianerottoli e gradini delle scale delle caratteristiche case, ormai disabitate, richiamano facilmente alla memoria l'immagine della "vecchierella che novellando" con le amiche trascorreva il tempo che i lavori della campagna le lasciavano libero. E che dire delle bellezze naturalistiche!! Il Bosco di Rudina, geloso custode di piante di altissimo valore, tanto da essere riconosciuto dalla Comunità Europea luogo SIC, e di numerosi palmenti di origine bizantina, scoperti di recente  dal Prof. Orlando Sculli, è diventato meta di tanti esperti escursionisti e studiosi che vi arrivano da varie università. La "Rocca del Carruso", che sorge maestosa a guardia di tutte le zone viciniori, le fontane, a sorgente naturale, di "Zagaria" nel Bosco di Rudina, di "Scrisà", dello "Scalone", in località Stinchi, di "Santu Petru", della "Portella", di "Strangio", dei "Frati", e quelle di "stroffa" e di "Saccuti", rappresentano dei percorsi suggestivi per tutti gli amanti della natura e sono punti di richiamo della vita del paese nel passato.La vita laboriosa dei "Ferruzzanoti" (Ferruzzanesi) può essere in parte testimoniata dagli antichi attrezzi di lavoro esposti in una simbolica mostra sulla "civiltà contadina", allestita nella struttura di un vecchio asilo di proprietà del Comune. Un'altra attrattiva è costituita dal Santuario della Madonna della Catena, che sorge a Sud del paese, sul limite tra il Comune di Ferruzzano e quello di Bruzzano. E' un santuario che, secondo la tradizione, è conteso dai cittadini dei due paesi, prova ne è che ancora oggi, nel giorno della festa della Madonna, che cade la prima domenica del mese di settembre, la statua deve essere portata fuori dalla chiesa, dove si va in pellegrinaggio, al calar del sole, per essere portata in processione a Bruzzano, dove si svolgono i festeggiamenti religiosi e civili. 

Tra il paese Antico e la Marina, si trova il caratteristico Borgo di Saccuti, anticamente denominato "Baracche", forse perché, in seguito al terremoto del 1907, la popolazione, rimasta, senza tetto, ha costruito nell'immediatezza delle case-baracche, ormai ricostruite in muratura.E' un borgo molto accogliente, dove la gente assapora ancora momenti di intensa vita relazionale, soprattutto durante la stagione estiva, quando arrivano non soltanto i nostri emigrati, ma tante altre persone che, in questi ultimi anni, dimostrano di sapere apprezzare i valori della vita sociale e i sapori dei frutti della terra. 

La zona nuova del paese è rappresentata dalla frazione della Marina, dove, pur essendoci ancora "scheletri di case", vive la maggioranza della popolazione che, ormai da anni, si adopera a inserire Ferruzzano, a pieno titolo, nel polo centri turistici ionici. Oggi, più che mai, infatti, il nostro paese grazie anche al clima di operosa collaborazione fra tutti i cittadini, è in una iniziale fase di sviluppo turistico, soprattutto perché costa e collina rappresentano due aspetti incantevoli di paesaggio che affascina persino il passante frettoloso. I diversi colori del mare, la larga spiaggia, la ghiaia, che nelle giornate apriche invitano al relax, al divertimento, a vari momenti di aggregazione sociale, a tutte le ore, animano il lungomare, che in ogni estate, e non soltanto, diventa meta privilegiata di tanti amici-stranieri.Si tratta di una spiaggia e di una costa che furono rifugio per i Greci, i quali sbarcati qui, vi si fermarono, pare, per circa dieci anni, prima di arrivare nella località "Scavi di Locri" loro prima colonia. 

Il Promontorio "Capo Bruzzano", con la lussureggiante pineta da cui si può ammirare l'orizzonte e l'omonima scogliera furono per i Greci il porto naturale, il luogo dove trovarono asilo prima di unirsi agli indigeni dell'entroterra e fondare la "Potamia" (attuale Bruzzano, San Luca). Lo stesso promontorio, la stessa striscia di mare, lo stesso piccolo paese, sono il ritrovo piacevole per tutti coloro che negli anni 40-50 e 60, con la loro valigia di cartone, riempita di speranze, di onestà, di amore per il lavoro, hanno lasciato la loro famiglia e la loro terra natia su cui avevano versato inutilmente il sudore della loro fronte e sono partiti verso quei luoghi paradisiaci, osannati da qualche pioniere e oggi ritornano con il cuore colmo di nostalgia. Mutate leggermente le condizioni del passato, Ferruzzano è un piccolo meraviglioso angolo di mondo (l'espressione non vuole essere, certamente, un eufemismo), una località dove la gente è giusto che arrivi, e non soltanto quella parte di popolazione che, presa dalla struggente nostalgia, riempie la valigia, non più di cartone e ritorna al proprio paesello!! Certo, le strutture ricettive sono ancora soltanto a livello privato, ma abbastanza confortevoli, grazie anche alla gentilezza, all'ospitalità e alla  disponibilità dei proprietari.

 

 
... per saperne di più ...

 - Altre località -

 
 

Ferruzzano Abitanti 950

Pro Loco 0964.914065
Comune 0964 991916
CAP 89030
Guardia Medica: 0964 994058
 
Manifestazioni e ricorrenze:
Luglio Sagra della zeppola
Agosto Sagra dei maccheroni - Festa della Stella del Mare -
Luoghi da visitare:
Fraz. Saccuti - spiaggia di Ferruzzano Marina
 
Realtà locali in web:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Locride.net                           Contact: info@asmedia.it  +39 334 8002030